Venezia, installati i POS in chiesa: da oggi si potranno fare offerte con Bancomat e carta di credito


 

Le offerte in chiesa sono state da sempre una lunga e antica tradizione, durante la messa o semplicemente per accendere qualche candelina in chiesa con lo scopo di finanziare e aiutare la parrocchia del proprio paese.

Ormai la situazione inizia ad evolversi: con la tecnologia anche le offerte diventano telematiche.
Succede presso la parrocchia di Chioggia dove il parroco ha deciso di far installare i POS in chiesa e permettere ai fedeli di effettuare tutte le donazioni con qualsiasi carta di credito, Banco Posta, Pay-pal e posta Pay.
È accaduto in tre chiese diverse rimodernate dalla tecnologia e che dicono addio alle tradizionali monetine.

Monsignor Adriano Tassarolo ha spiegato che l’iniziativa non nasce dal fatto di voler ricevere una quantità di denaro maggiore rispetto alle misere monete, ma è per vera esigenza: le parrocchie- spiega il parroco- sempre più frequentemente sono  luogo di furto e questo è ingiusto sia per la chiesa sia per i fedeli che donano.
Una libera donazione tramite POS risulterà pertanto facile e sicura, in cambio di una ricevuta di effettuata donazione.
Nel momento della donazione si potrà, Inoltre, decidere a chi destinare i soldi, a quale chiesa, a quale istituto religioso o per quale altro destinatario si voglia.
La donazione potrà Inoltre essere effettuata anche direttamente da casa, con app, pc collegandosi al sito della chiesa che giustamente, in tempo di tecnologia possiede un sito web.
Tassarolo dice che l’idea nasce dalla Polonia, luogo in cui lui ha notato un riscontro positivo tra Chiesa-donazioni e tecnologie. L’offerta minima per celebrare la messa è 10 euro mentre le donazioni sono libere. E chi mai avrebbe pensato ce tecnologia sarebbe arrivata anche in chiesa?

© Riproduzione riservata