domenica - 2 Ottobre - 2022

L’INPS toglierà la quattordicesima a queste pensioni, nei prossimi 2 anni

Cattive notizie per alcuni pensionati che entro 2 anni, vedranno eliminata la quattordicesima dalla loro pensione. Scopriamo chi saranno i meno fortunati!

- Advertisement -

L’inps infatti, sta già provvedendo a recuperare i soldi che, per errore, ha versato ad alcuni pensionati nel 2017 e 2018 senza averne diritto.

Che cosa succederà quindi? Molti pensionati che, senza saperlo, hanno ricevuto soldi in aggiunta sulla pensione del 2017/2018, dovranno restituirli.

A partire da ottobre questi contribuenti vedranno sul proprio cedolino una trattenuta pari ad 1/24 dell’importo totale che hanno ricevuto nel biennio. Da questo momento prenderà il via la riscossione dei soldi non dovuti.

Nella circolare del 30 Settembre 2020 infatti, l’INPS rende noto il motivo per cui effettuerà una decurtazione mensile di una parte della pensione.

A gennaio e febbraio 2020, sulla base del reddito 2017 consolidato, sono state effettuate le verifiche relative alla quattordicesima erogata nel 2017 e nel 2018.

All’esito di tale lavorazione, in presenza di indebiti, sono state inviate le relative comunicazioni informando i pensionati che il recupero sarebbe stato effettuato dal rateo di pensione di aprile 2020.

A seguito degli eventi Covid, l’INPS ha sospeso l’effettivo avvio del recupero posticipandolo al mese di ottobre 2020.

Parallelamente, in occasione del pagamento della quattordicesima sulle rate di pensione di luglio e di settembre 2020, si è provveduto, laddove possibile, a effettuare la compensazione totale o parziale tra il debito sospeso e l’importo della quattordicesima da erogare.

A partire dal mese di ottobre 2020 si procederà, quindi, a recuperare gli importi indebiti che non sono stati oggetto di tale compensazione.

Il recupero verrà effettuato con trattenuta su pensione in 24 rate mensili.

Verifica dell’importo aggiuntivo erogato nel 2017 e 2018: recupero

A gennaio e febbraio 2020 si è proceduto anche alle verifiche relative all’erogazione dell’importo aggiuntivo ex comma 7, articolo 70, legge 23 dicembre 2000, n. 388.

A seguito dell’aggravarsi della crisi pandemica, il recupero delle somme risultate indebite è stato sospeso ed è stato bloccato l’invio delle relative comunicazioni.

Tale recupero verrà ora avviato con trattenuta su pensione, in 12 rate, a decorrere dal rateo del mese di ottobre 2020.

I pensionati interessati verranno informati con un’apposita comunicazione.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

error: Contenuto protetto da Copyright©