domenica - 17 Gennaio - 2021

Gerry Scotti, guarito dal Covid racconta: “Ho perso 10 kg, a un passo dalla terapia intensiva”

Gerry Scotti racconta la sua brutta esperienza, conclusa da poco, vissuta in ospedale dopo aver contratto il Covid. A un passo dalla terapia intensiva, dimagrito di colpo, e con difficoltà a riprendere la vita normale. Un avventura che ha lasciato un segno indelebile nella sua vita e che ha deciso di condividere con noi.

Gerry Scotti: “Fate attenzione al Covid, non è una passeggiata”

Gerry Scotti, guarito dalla Covid dopo un ricovero durato 13 giorni, annuncia il suo ritorno sugli schermi tra qualche settimana, in Tu Si Que Vales, ricordando ai telespettatori che deve dapprima recuperare le sue forze.

Ospite di Linus e Nicola Savino a Deejay chiama Italia, Gerry Scotti racconta il suo ricovero in ospedale, un ricovero durato 13 giorni che lo ha spaventato.

“Con Caduta Libera, quello che dovevo fare è fatto. Tornerò alla finale di Tu sì que vales e poi mi godrò le vacanze di Natale e la nipotina. Sappiate che i medici non vogliono essere chiamati eroi. Sono persone che cercano di far bene il loro lavoro e li ho visti far bene il loro lavoro”, ha dichiarato.

Non è stata una passeggiata. Ho visto la storia vera. Tutti sperano di non prenderlo, quando lo prendi speri che sia una di quelle forme per cui te la cavi con la tachipirina. Quando ti accorgi che il sistema casalingo non basta, devi andare da quelli che hanno la pratica”.

La pratica se la sono fatta sul campo questi ragazzi in questi mesi. Ti devi fidare, non ti devi spaventare. Sono rimasto in ospedale 13 giorni ma gli ultimi 3 li hanno chiamati di svezzamento perché uno deve tornare a camminare, muoversi e respirare la vita normale”.

Ha avuto tanta paura, racconta, in particolare in quei momenti in cui ha dovuto indossare il casco e la cannula nasale per l’ossigeno. Momenti di ansia durati 36 ore e poi la lenta ripresa, che gli ha permesso di tornare a respirare da solo.

Sono stato fisicamente nell’anticamera della terapia intensiva. C’era una stanza e per non farmi spaventare troppo l’hanno data a me. Non ero né nella stanza normale, né nella terapia intensiva. C’era una porta di vetro e vedevo tutto quello che accadeva. Ci sono stato 36 ore e grazie a Dio mi sono bastate. In quelle ore ho visto tutto ciò che è stato, tutto ciò che è e tutto ciò che sarà. Ho fatto l’ossigeno, quello è la cura basilare. Quando l’ossigeno non arriva agli organi, la saturazione comincia a scendere e la batteria del tuo telefono comincia a spegnersi. Avverti spossatezza, è come se avessi fatto una maratona senza averla corsa. Avevo la cannula nel naso e il casco che non solo ti dà la dose di ossigeno ma ti aiuta a fare ginnastica con il polmone”.

Poi i ringraziamenti ai medici che lo hanno curato: “Ho avuto la fortuna di essere nel centro Covid dell’Humanitas che è un centro modernissimo. Quelli che girano sono tutti uguali perché non li riconosci. Ho avuto la fortuna di stare in una stanzetta da solo. Ho perso una decina di chili”.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Bar al centro di Roma: 2 caffè, il conto 11 euro e 12 centesimi

Pagare 11 euro per 2 caffè: l'assurda richiesta di un barista che sorprende due turiste che si erano fermate per una pausa caffè in...

Trezeguet, giocatore della Juventus, ubriaco sul suv insulta la polizia: “Pezzenti, non arrivate a 2000€ al mese” e i social si scatenano contro di...

  Anche se “vip”, non di certo tutti possono permettersi di ledere la dignità di chi, pur lavorando, non guadagna somme di denaro stratosferiche: questo...

Nuova truffa agli anziani con la tecnica dell’esenzione del ticket: ecco di cosa si tratta

Si fingono addette dell'USL o del comune ed entrano nell'abitazione delle vittime, portando via gioielli, soldi o tutto ciò che trovano in casa di...

6 combinazioni alimentari comuni che sono davvero dannose per la tua salute

Sarai sorpreso di scoprire che ci sono una serie di combinazioni alimentari che dovresti evitare. Associare determinati alimenti insieme può influire negativamente sul sistema...

Papà scoppia in lacrime dopo che il figlio, di 24 anni, ha saldato l’intero mutuo per lui: l’amore sconfinato tra padre e figlio

Un padre è scoppiato in lacrime dopo che il figlio di 24 anni ha pagato l'intero mutuo in modo che potesse andare in pensione...

Ricoverato per un tumore, Lorenzo si laurea in ospedale: “Il mio è un messaggio di speranza”

Lorenzo è un ragazzo pieno di voglia di vivere e di realizzare i suoi sogni: ha 24 anni e si è già laureato in...