Ecco12 sintomi di malattie che possiamo capire guardando le mani


Guardare le proprie mani è fondamentale, non solo perchè sono lo specchio della nostra anima ma perchè possono rivelarci importanti informazioni sulla nostra salute. Abbiamo elencato per voi 12 sintomi significativi che possono essere campanelli di allarme di diverse patologie.

Le nostre mani sono una parte del corpo che meglio esprime i nostri stati d’animo: le nostre dita, cambiano continuamente di tensione e di  posizione sia quando agiamo sia quando parliamo.
Articolazioni che riescono a generare ogni tipo di emozione o sentimento: paura, amore, ribrezzo, violenza, sottomissione, abbandono, aggressione, passione, sgomento, pace, sorpresa, desiderio, bisogno di sicurezza, disperazione. Ma non solo…le nostre mani possono rivelarci molte informazioni sul nostro stato di salute.

I medici dopo aver analizzato diversi casi, hanno redatto un elenco con tutti i sintomi di malattie che si possono comprendere guardando le mani; non a caso infatti, quando il vostro medico vi sta visitando per un problema qualsiasi, vi guarderà le mani per scoprire qualcosa in più di voi. Eccone quali abbiamo selezionato per voi.
Mani e patologia: osserviamole per fare prevenzione

Le varie patologie possono essere visionate osservando le vostre unghie, dita, palmo e mano. In seguito potrete osservare alcuni esempi di patologie facilmente osservabili a partire dalle vostre mani.

1 – Polpastrelli bianchi o blu.

Quando ci sono problemi che riguardano la circolazione del sangue, le dita possono apparire bianche o blu poichè il sangue non riesce ad arrivare alle estremità.

Polpastrelli e dita blu possono comparire anche in presenza di una patologia che prende il nome di sindrome di Raynaud, è una malattia rara che colpisce le arterie, cioè i vasi sanguigni che trasportano il sangue dal cuore al resto dell’organismo; la sindrome è caratterizzata da brevi episodi di vasospasmo, cioè di restringimento dei vasi sanguigni.




Possono essere causa di comparsa del fenomeno di Raynaud anche:

  • artrite reumatoide,
  • aterosclerosi,
  • disturbi del sangue, ad esempio la crioglobulinemia e la policitemia,
  • sindrome di Sjögren, dermatomiosite e polimiosite,
  • morbo di Buerger.

La sindrome di Raynaud può essere inoltre causata dall’ipertensione polmonare. problemi alla tiroide, ma come si può notare in molti casi risulta legata a patologie autoimmuni, in cui cioè il sistema immunitario dell’organismo si rivolta contro il proprio stesso corpo.

2 – Unghie rigate.

Avere unghie rigate possono essere sinonimo di cancro o di una forte carenza vitaminica. Se le unghie smettono di crescere, è necessario rivolgersi al proprio medico di famiglia.

3 – Unghie con macchie bianche.

Se schiacciandosi le dita le unghie restano bianche a lungo (senza diventare subito viola e poi tornare al colore naturale) è il segno di anemia e mancanza di ferro.

Il ferro è un minerale essenziale pertanto è fondamentale per la salute di capelli e unghie.

La presenza di piccole macchie biancastre delle unghie però si riscontra in caso di traumi, psoriasi o micosi superficiali. Quando tutta la lamina assume un colore latteo allora siamo di fronte a malattie sistemiche o ad effetti collaterali della chemioterapia.

4 – Strisce nere.






Strisce nere al di sotto dell’unghia oppure sulle dita della mano o sulla mano stessa è sinonimo di melanoma o cancro della pelle. Pensate che il famoso Bob Marley morì a causa di un melanoma sotto cutaneo al di sotto dell’unghia che lo ha ha portato alla morte.

5 – Tremori alle mani.

Causati da eccessi di caffeina, stimolanti, droga o semplicemente troppa ansia, possono essere però anche il sintomo dell’emergenza del Morbo di Parkinson.

Il Parkinson è una malattia neurodegenerativa, ad evoluzione lenta ma progressiva, che coinvolge, principalmente, alcune funzioni quali il controllo dei movimenti e dell’equilibrio. La malattia fa parte di un gruppo di patologie definite “Disordini del Movimento” e tra queste è la più frequente.

6 – Dita “claviformi”.

La malformazione, con i polpastrelli estremamente più grandi rispetto al resto delle dita, indica gravi malattie: infezioni polmonari, cardiopatie congestizie, e soprattutto a neoplasie polmonari, nelle quali è presente nel 10% dei soggetti. Le anomalie ossee sono la periostite seguita da neoformazione ossea, e l’ispessimento della corticale ossea con proliferazione del tessuto connettivo vicino, che determina l’aspetto classico ungueale ed è responsabile dell’aspetto spugnoso delle unghie stesse. Le dita ippocratiche sono un segno che può essere associato a:

  • malattie polmonari (carcinoma a grandi cellule, interstiziopatia polmonare, tubercolosi, malattie polmonari suppurative – ascesso polmonare, empiema, bronchiectasia, fibrosi cistica, mesotelioma, ecc.);
  • malattia cardiache (shunt con ipossia cronica, cardiopatia congenita cianogena, endocardite batterica subacuta, mixoma atriale, ecc.);
  • gastrointestinali ed epatobiliari (sindrome da malassorbimento, malattia di Crohn, rettocolite ulcerosa, cirrosi biliare primitiva, sindrome epatopolmonare, abuso di lassativi, poliposi, carcinoma esofageo, ecc.);
  • ipertiroidismo;
7 – Palmo arrossato.

Quando il palmo della mano è arrossato può indicare la presenza di problemi al fegato. Questa condizione è denominata “Eritema palmare”, segno di disfunzione al fegato, a cominciare dalla cirrosi.




A causa di uno disfunzione del fegato, si ha una ridotta funzionalità epatica, i vasi sanguigni delle mani si distendono e appaiono più rossi del normale. Questo sintomo si manifesta spesso nelle persone dai 50 anni in su. Quindi è meglio dare un’occhiata al palmo della mano ogni tanto.

8 – Dita “a salsicciotto” o gonfie

 Possono essere causate da diversi problemi che non devono essere sottovalutati.

Le cause che più comunemente spiegano la comparsa di gonfiore nelle mani sono:

  • cattiva circolazione,
  • sovrappeso o obesità,
  • artrite o artrosi,
  • sindrome del tunnel carpale,
  • infezioni,
  • manifestazione allergica,
  • esposizione prolungata al freddo o caldo intenso,
  • sbalzi ormonali, tipici della gravidanza, sindrome premestruale,
  • farmaci,
  • malattie scompensate dei reni, pancreas, cuore, polmoni o tiroide.
9 – Palmo sudato.

La causa principale della eccessiva sudorazione alle mani ed ai piedi è un ipertono del nervo simpatico che determina una vasocostrizione periferica e una attivazione eccessiva delle ghiandole sudoripare. I due terzi delle ghiandole sudoripare presenti nel nostro corpo sono localizzati nelle mani. Qui si nota anche la manifestazione più comune dell’ iperidrosi, detta comunemente iperidrosi palmare.

A far sudare eccessivamente le mani ci sono poi cause diverse: mal funzionamento della tiroide, disagi psicologici, uso di alcol e medicinali.

10 – Unghie scolorite. 






Se le vostre unghie tendono al giallo  potrebbe essere un fungo o un primo segno di diabete. Ma non solo:  cause più frequenti sono la psoriasi, il tabacco, gli smalti ed alcuni farmaci.

11 – Nocche “grasse”. 

Possono essere un sintomo di colesterolo alto, potenzialmente fatale anche in giovane età.

Una sana alimentazione povera di grassi può risolvere il problema. Inoltre, se le nocche risultano particolarmente gonfie, si può essere in presenza di un accumulo di liquidi nei tessuti e ritenzione idrica; in questi casi è fondamentale scoprirne la cause poichè potrebbe trattarsi di un malfunzionamento renale.

12 – Dita incurvate all’interno.

Una malformazione nota come contrattura di Dupuytren che colpisce normalmente i tendini di anulare e mignolo. La malattia di Dupuytren è una patologia a carico della mano caratterizzata dalla flessione progressiva e permanente di uno o più dita, ed è fra tutte le forme di deformità della mano la più comune. Fattori di rischio sono dovuti a elementi patologici come l’epilessia, la cirrosi epatica, infezioni da HIV, il diabete mellito, ad abuso di sostanze alcoliche, a episodi traumatici, a predisposizione familiare su base genetica.

Le dita incurvate all’interno possono anche essere causate da eccesso di alcol e diabete.