lunedì - 30 Novembre - 2020

Covid: come capire se hai già avuto il Coronavirus senza saperlo

La percentuale di casi di COVID in tutto il mondo è aumentata in modo scioccante, con oltre l’80% delle persone che hanno segnalato infezioni lievi. Per alcuni, dicono gli esperti, l’infezione potrebbe essere così lieve, o di portata bassa, che potrebbe essere molto difficile differenziare i sintomi da Covid da quelli di un’infezione simile all’influenza, il che significa che ci potrebbero essere persone che hanno combattuto il virus e lo hanno sconfitto con successo, senza saperlo.

COVID-19 può non essere diagnosticato?

Scientificamente, non è difficile da capire. Sebbene il COVID-19 sia una malattia grave, il recupero dipende da quanto è sano il tuo corpo. È probabile che, se sei sano, giovane e non hai condizioni o malattie preesistenti, hai maggiori probabilità di recuperare più facilmente o di soffrire di un infezione molto lieve, esattamente come accade per i bambini. Mentre ora c’è molta consapevolezza sui segni e sui sintomi, alcuni dei sintomi COVID possono essere così lievi, possono passare inosservati o sono facili da confondere. Scopriamo i sintomi che possono dimostrare che hai già contratto il virus e che ora sei immune.

Febbre che è durata per più di 3 giorni

La presenza di una febbre non molto alta, circa a 37.5 C°, per più di tre giorni può essere un segno di un’infezione da COVID, soprattutto se accompagnata da mal di testa, naso che cola o prurito. Secondo i dati dell’OMS, quasi l’87% dei casi COVID confermati riporta un’improvvisa comparsa di febbre, quindi è sicuramente una decisione saggia guardare indietro per ricordare se hai avuto sintomi negli ultimi mesi.

Riduzione o perdita dell’olfatto e del gusto

Un cambiamento nel modo in cui i tuoi sensi olfattivi rilevano gli odori potrebbe essere un segno rivelatore di un’infezione COVID. Secondo i medici, la perdita dell’olfatto o del gusto, nota anche come anosmia, si osserva nelle infezioni più lievi e si verifica principalmente quando un residuo virale attacca le mucose del naso, compromettendo la capacità di rilevare gli odori nella sua interezza.

Studi più recenti hanno anche concluso che in realtà ci sono odori specifici che i pazienti COVID non possono riconoscere, tra cui cocco e olio di menta e continuano ad avere un senso dell’olfatto ridotto per molti mesi successivi alla scomparsa dell’infezione. Se hai anche problemi gastrointestinali o senti una riduzione dell’appetito, potrebbe anche significare che è stato contratto in passato il COVID.

Tosse secca

C’è un tipo molto specifico di tosse associato alle infezioni da COVID: una tosse secca. Per alcuni, la tosse secca e aspra con mal di gola potrebbe essere un indicatore di un’infezione attiva da COVID-19. Quindi, è davvero importante ricordare se hai avuto questo sintomo. Ancora una volta, nel più semplice dei casi, una persona può avere la tosse da sola e non sperimentare alcun altro segno, rendendo più complicata la diagnosi COVID. La tosse secca è solitamente associata ad allergie e inquinanti esterni.

Occhio rosso

L’esperienza di un occhio rosso, che lacrima, può sembrare spiacevole e può anche essere un segno di congiuntivite lieve alimentata dal virus SARS-COV-2. Può essere un modo possibile in cui il virus è stato trasmesso, quando si toccano costantemente gli occhi e la pelle intorno al viso con le mani sporche o si entra in contatto con il l’infezione attraverso la trasmissione di gocce di saliva.

Eruzioni cutanee 

Le eruzioni cutanee, soprattutto nei bambini piccoli, sono i più recenti sintomi COVID che confondono molte persone. Può accadere quando il virus provoca un’infiammazione attiva nel corpo e provoca l’arrossamento, il gonfiore e il prurito della pelle delle mani, dell’addome, dei piedi o intorno alle dita dei piedi. Per i bambini, che hanno pochi o nessun sintomo, questo può essere il segno a cui prestare attenzione.

Dolore toracico temporaneo e mancanza di respiro

La mancanza di respiro può essere un segno di una bassa saturazione di ossigeno e richiede supporto medico. Può anche essere uno dei segni di una lieve infezione da COVID se accompagnato da tosse o raffreddore. La mancanza di respiro è anche un segno che i pazienti COVID sperimentano dopo aver sconfitto l’infezione. Chi ha una grave infezione, può anche manifestare labbra blu, disagio, confusione e declino cognitivo.

Controlla la sequenza temporale dei tuoi sintomi

Gli esperti ritengono che le persone che si sono ammalate nei primi mesi dell’anno, cioè da gennaio ad aprile, hanno molte più probabilità di aver contratto il COVID-19 poiché quello era il momento in cui stavamo solo iniziando a conoscere e apprendere i sintomi.

C’è un modo per confermarlo?

L’unico modo in cui il tuo corpo ti “protegge” dal COVID è accumulando anticorpi. Gli anticorpi si sviluppano quando un corpo combatte il virus, riconosce le sue proteine ​​e crea anticorpi che combattono le infezioni che ti danno l’immunità contro la malattia. L’unico modo, in questo momento, per confermarlo sarebbe fare un test degli anticorpi, in grado di rilevare il livello di anticorpi anti-COVID nel sistema.

Tuttavia,  gli studi riferiscono che gli anticorpi iniziano a diminuire nei pazienti 2-3 mesi dopo la malattia, perciò il test potrebbe non dare risultati  accurati.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Tumori: arriva la nuova diagnosi col test urine

Sperimentato nuovo test per la diagnosi dei tumori: questa volta niente prelievo del sangue, si scoprirà la neoplasia attraverso l'urina Scoprire di avere il cancro...

9 cose che fanno le persone più intelligenti

  Le persone spesso pensano che l'intelligenza è una caratteristica destinata a pochi, ma non è sempre così. L'intelligenza può essere sia ereditata che acquisita....

I 10 migliori esercizi per ridurre il doppio mento

La tensione e le rughe della pelle del collo influiscono drasticamente sull'aspetto generale, pertanto se sei insoddisfatto di come appare l'aspetto del tuo collo,...

L’Agenzia del Farmaco dà il via libera alla chemioterapia da assumere in compresse: meno tossicità, buona risposta immunitaria e pochi effetti collaterali

Novità per i malati oncologici: è approvata in via definitiva, dall'Agenzia del Farmaco AIFA, la chemioterapia da somministrare in compresse in dosi giornaliere e...

Terapie intensive, spunta il documento dell’Istituto Superiore di Sanità: “Dare la precedenza a chi può sopravvivere”

L'Istituto Superiore di Sanità ha diffuso il protocollo elaborato per le terapie intensive, utile per i medici anestesisti, che dovranno tenere in considerazione nel...

Vaccino Covid. La frase choc di Crisanti fa discutere: “Non farò mai il vaccino che arriva a Gennaio. Servono 5 anni per capire se...

Andrea Crisanti ha dichiarato di non voler far il vaccino contro il Covid che tutta Europa aspetta con tanta ansia. «Normalmente - spiega l'infettivologo...