lunedì - 18 Gennaio - 2021

Gli smartphone stanno trasformando il nostro cranio: sempre più giovani hanno strane spine ossee

 

Immagine: onlinelibrary.wiley.com

L’uso intensivo dei telefoni cellulari non solo sta creando danni alla nostra vista, ma anche creando dei danni irreparabili alle nostre mani che sempre più spesso sembrano doloranti…ma i danni dello smartphone non finiscono qui. Il tempo che passiamo a “sbirciare” sui nostri smartphone potrebbe anche cambiare i nostri teschi. Ebbene si! Il cellulare sta modificando la nostra struttura ossea del cranio.

Spine ossee sul cranio: tutta colpa dei cellulari

Un team di ricercatori dell’Università della Sunshine Coast, in Australia, ritiene che potrebbe essere proprio il motivo per cui sempre più persone, specialmente i più giovani, stanno sviluppando una strana “spina” di osso appena sopra il collo , nel base del cranio.

Conosciuta come “protuberanza occipitale esterna”, il nuovo nodulo osseo può diventare così grande da poter essere percepito premendo con le dita.

Sono medico da 20 anni – spiega David Shahar, scienziato all’università australiana – e nell’ultimo decennio ho scoperto, sempre di più, che i miei pazienti hanno questo rigonfiamento alla base del cranio“. Per il ricercatore, è un affascinante scoperta che dimostra come il nostro organismo non smetta mai di cambiare.

La possibile origine del cambiamento

Sebbene non sia stata ancora identificata una relazione causa-effetto, Shahar ritiene che questo nuovo “rinforzo osseo” abbia a che fare con il fatto di piegare continuamente il collo formando angolazioni abbastanza scomode per guardare gli schermi mobili e tablet. La testa umana è molto pesante (4,5 chilogrammi in media) e noi la tendiamo continuamente in avanti per leggere messaggi su WhatsApp o guardare video divertenti,  costringendo il collo a sostenere tutto quel peso per molto più tempo di quanto sarebbe naturale.

Per il ricercatore, è più che probabile che aumentando la pressione proprio nel punto in cui i muscoli del collo aderiscono al cranio, il nostro corpo abbia risposto posizionando un nuovo osso di rinforzo, che si manifesta come una sporgenza appuntita e che riuscirebbe a distribuire il peso della testa in un’area più ampia.

Nel 2016, Shahar e i suoi colleghi hanno pubblicato uno studio sul Journal of Anatomy in cui hanno analizzato le radiografie di 218 giovani pazienti,   18 ai 30 anni, per determinare quanti di loro avevano queste sporgenze.

Questi corni “normali” misuravano almeno 5 millimetri, mentre quelli che avevano da più tempo utilizzato lo smartphone, avevano protuberanze raddoppiate.

In totale, il 41 percento degli individui studiati presentava un “corno” osseo allargato e il 10 percento mostrava un corno particolarmente grande, almeno 20 millimetri. I ricercatori hanno scoperto che, in generale, protuberanze più grandi erano più comuni negli uomini che nelle donne. Il più grande che trovarono fu quello di un maschio e misurava 35,7 millimetri.

In un altro studio, pubblicato questa volta su NATURE lo  scorso febbraio, su 1.200 individui di età compresa tra 18 e 86 anni, Shahar ha scoperto che i picchi ossei sono più frequenti tra i giovani . In effetti, hanno trovato protuberanze allargate nel 33 percento dei membri del gruppo. Inoltre, i partecipanti tra i 18 ei 30 anni avevano molte più probabilità di averli rispetto a quelli che appartenevano alle generazioni precedenti.

Per Shahar, inoltre, queste spine ossee non potranno regredire o sparire. “Se le cose non cambiano“, dice, “e nessuno le disturba, continueranno a crescere“. Fortunatamente, raramente causano problemi di salute. E se qualcuno prova qualche disagio, dovrebbe provare a migliorare la postura quando guardiamo il cellulare.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Mangiare finocchi, dormire molto: 9 abitudini che aiutano a perdere peso

Per perdere peso efficacemente non serve soltanto seguire una dieta povera di calorie, bisognerebbe anche seguire questi accorgimenti eccezionali. Recuperare la forma fisica o voler...

Alito cattivo? Ecco da quali problemi di salute può derivare il disturbo

Aiuto l'alitosi! Un disturbo che affligge un gran numero di persone e che determina disagio e imbarazzo. L'alitosi non è un sintomo da sottovalutare,...

Il modo in cui dormi rivela i segreti della tua personalità

  Ogni sera ci dirigiamo nel nostro mondo per sbarazzarci dello stress della vita quotidiana per goderci un sonno tranquillo e confortevole, ma hai mai...

Unghia lunula: cosa rivelano le mezze lune sulle unghie della tua salute

Hai mai notato quelle piccole mezzelune di colore bianco vicino ai tuoi letti ungueali? In realtà sono chiamate unghie lunula e forniscono preziose informazioni...

Coronavirus, papa Francesco: “Invece di lamentarci delle restrizioni, aiutiamo gli altri”

Dopo i divieti imposti nel nuovo Dpcm di Natale, in cui l'Italia diventerà completamente rossa, è stata tolta la libertà agli italiani di trascorrere...

Parolisi e la sua nuova vita: studia, “frequenta” una donna e presto avrà un lavoro. A breve uscirà dal carcere

Chi ricorda l’omicidio di Melania Rea? Il delitto che ha da sempre scosso l’opinione pubblica. Un delitto agghiacciante per cui, Salvatore Parolisi si è...