sabato - 24 Ottobre - 2020

Cucinare cibi al cartoccio significa ingerire un eccesso di metalli pesanti

Quante volte vi è venuto voglia di utilizzare la carta alluminio per cuocere il pesce al cartoccio o altre prelibatezze?

La carta stagnola, infatti ha la capacità di immagazzinare il calore, è ottima in cucina per tenere in caldo gli alimenti. Molti ad esempio, avvolgono il pane appena sfornato o un pollo allo spiedo nella carta in alluminio affinchè restino al caldo anche per un’ora.  Sempre in cucina, l’alluminio è utile per non far bruciare una torta nel forno.

La verità è che la cottura dei cibi avvolti in carta stagnola in forno può essere pericolosa. Questo perché l’alluminio è una neurotossina che è scientificamente dimostrato che può causare e favorire malattie degenerative e mentali. Devi sapere che l’alluminio non svolge alcuna funziona utile nell’organismo, quindi non deve assolutamente esserci.

L’alluminio, insieme agli altri metalli tossici, si accumula lentamente e progressivamente negli organi (ossa, fegato, rene, sistema nervoso, tessuto adiposo) e nei tessuti dove causano processi infiammatori e bloccano l’attività di numerosi complessi enzimatici sostituendosi ai minerali essenziali, causando danni gravi alla persona, con sintomi molto vari e difficilmente riconducibili ad intossicazione da alluminio. Il corpo ha un proprio sistema di disintossicazione in grado di scovare tutte le tossine dannose, ma se queste tossine sono nanoparticelle e vengono ingerite spesso, non ce la fa ad espellerle.

Per questo è sempre più diffuso il test dei metalli pesanti e gli integratori e terapie per disintossicarsi. I sintomi più comuni di avvelenamento di alluminio sono: debolezza muscolare, dolore osseo, convulsioni e confusione, anemia, problemi di salute per gli organi respiratori, malattie del cervello, demenza, malattie del sistema nervoso, sclerosi multipla, Alzheimer e Parkinson.

L’alluminio se riscaldato rilascia più facilmente le sue particelle che entrano nel cibo che poi finisce nel nostro corpo. La verità è che gli effetti dei metalli pesanti si sentono nel lungo termine con danni seri.

Il collegamento tra l’alluminio e le malattie sopra citate è dimostrato da diversi studi.
Qualche anno fa uno studio dell’University of British Columbia ha dimostrato il collegamento tra alluminio e Alzheimer.
Inoltre Il Dr. Sante Guido Zanella ha osservato che i suoi pazienti affetti da sclerosi multipla avevano tutti valori molto elevati (da 4 a 30 volte superiori ai limiti ritenuti normali) di alluminio. Guarda il video a riguardo.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Le 15 patologie cardiache a cui l’INPS riconosce la pensione di invalidità civile

Nelle moderne democrazie si è affermato da tempo il principio della protezione dei cittadini affetti da minorazioni fisiche o psichiche. Un obiettivo solennemente affermato...

Parla il figlio di Corona: «Papà non ha il Covid, mi picchia e mi dà psicofarmaci»

Una videochiamata alla mamma Nina Moric in cui Carlos Corona, 18enne figlio di Fabrizio Corona, parla del padre, parla in lacrime mettendo in evidenza...

Ti trema l’occhio? Scopri i suoi significati spirituali nascosti di buoni e cattivi presagi

Mentre ci sono problemi di salute che giustificano contrazioni involontarie delle palpebre, ci sono anche spiegazioni spirituali che vengono discusse raramente, legate a questo...

Come pulire efficacemente le persiane di casa senza fatica e in breve tempo

Le persiane , insieme alle finestre, sono due degli oggetti domestici più sporchi e costosi da pulire. Il suo contatto con l'esterno è ciò...