martedì - 20 Ottobre - 2020

Un padre minaccia la pediatra di sua figlia per aver chiesto il tampone: “Ti trito come il sale e poi t’ammazzo, il coronavirus non esiste”

La dottoressa di Roseto degli Abruzzi aveva appena richiesto un tampone per una bimba di quasi 4 anni che presentava sintomi riconducibili al contagio da Sars-Cov-2: aveva febbre a 37.5, tosse e rinorrea. Il padre della piccola ha perso la testa, minacciando la donna e asserendo che il Coronavirus non esiste.

Il Covid non esiste: pediatra minacciata

Vera e propria follia la vicenda che ha luogo a Roseto degli Abruzzi, grosso centro affacciato sull’Adriatico in provincia di Teramo. “Adesso vengo nel suo studio, prima la trito come il sale fino e poi l’ammazzo. Il coronavirus non esiste. Idiota”: queste sono le “dolci” parole che sono state dette al telefono da un padre, che minacciava la pediatra di sua figlia, contrario alla sua richiesta di effettuare il tampone per valutare i sintomi della piccola, riconducibili all’infezione da Coronavirs.

A raccontare la vicenda è la stessa dottoressa che spiega: “La bimba ieri mattina aveva febbre a 37.5, tosse e rinorrea. Avvisaglie che fanno scattare il protocollo Covid-19. 

A quel punto, da buon medico che segue i rigorosi protocolli attuali, ha ordinato il tampone: il padre della bimba non ha gradito, e ha perso la testa con le minacce di aggressione via telefono”.

Episodio simile qualche tempo, curiosamente sempre a Teramo. “Lei è una terrorista”: ecco la frase che una pediatra si era sentita rivolgere telefonicamente da una coppia di genitori preoccupati per il fatto che la loro bambina stava male

L’analisi della situazione della bimba è avvenuta via telefono, la madre ha spiegato che era tornata dall’asilo con un po’ di raffreddore ma poi le era salita la febbre e voleva una cura. Dopo aver ascolto, la dottoressa aveva consigliato alla famiglia di sottoporre la piccola al tampone per accertare una eventuale positività al virus: un’indicazione che ha fatto scattare gli insulti da parte della coppia di genitori.

I tamponi per i bambini sono fastidiosi?

Perchè molti genitori sono spaventati all’idea di far effettuare il tampone ai propri figl? “Quello per bambini è morbido, di plastica- sottolinea la Presidente SIP lombarda Paola Marchisio – qualcuno sul web ha scritto che si potrebbe rompere, ma in realtà il punto di rottura è a più di dieci centimetri dall’estremità quindi normalmente non entra fin lì”.

“Soprattutto– ribadisce Marchisio- l’esame va eseguito da qualcuno che conosce l’anatomia del naso e che è addestrato a farlo”.

Il tampone deve essere eseguito da personale adeguatamente addestrato, si deve utilizzare lo strumento adatto e il bambino deve essere tenuto fermo, non costretto, ma fermo per evitare che muova la testa – continua – è una procedura sicuramente fastidiosa ma meno invasiva di un prelievo di sangue”. Importante poi informare. “Se a bambini e genitori viene opportunamente spiegato quello che si sta andando a fare, la procedura diventa non tanto diversa da quella del tampone faringeo che si esegue per la tonsillite”.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Hai una pensione minima? Richiedi la Pensione di Cittadinanza entro il 31 Gennaio con ISEE aggiornato per avere 780 euro al mese

Entro e non oltre il 31 Gennaio, chi già riceve la pensione di cittadinanza o ne vuole fare richiesta, dovrà aggiornare il proprio ISEE...

Pensioni: in arrivo la tredicesima con un bonus da 155 euro. Scopriamo la data in cui sarà disponibile per tutti

Arriva tra molto poco la gratificazione natalizia che tutti aspettano prima del Natale e che quest’anno porterà delle piacevoli novità destinate ai pensionati. Un...

Coronavirus: “Il mio vicino è in casa con più di sei persone”. E gli manda i carabinieri

Da quando il Presidente Conte ha introdotto nel nuovo DPCM la restrizione di non poter invitare in casa amici e parenti, limitando gli incontri...

Se hai un conto corrente da molto tempo, ti conviene fare subito questa verifica

Quanti di voi hanno un conto corrente da molti anni? Pochi sanno che più il conto corrente è vecchio, più alti saranno i costi...

Farmaco anti ulcera Omeprazolo ritirato dalle farmacie, i lotti interessati

L'AIFA, ovvero l'agenzia italiana del farmaco, ha disposto il ritiro dal commercio dalle farmacie italiane del gastro-protettore   Omeprazolo Sadoz a seguito di una segnalazione...

Come sbarazzarsi del naso chiuso in soli 15 minuti

  Ormai i primi raffreddori sono arrivati e anche la tanto temuta influenza stagionale. Con se portano sintomi davvero poco gradevoli: febbre, ml di gola,...