martedì - 27 Ottobre - 2020

Padelle antiaderenti vietate in Danimarca mentre in Italia si usano tranquillamente, ignorando i pericoli

 

In molti paesi europei, tra cui la Danimarca, queste pentole sono state vietate per il loro utilizzo mentre in Italia continuiamo ad utilizzarle senza che nessuno ci dica quanto siano nocive

La Danimarca, ma anche molti stati europei,  ha vietato l’utilizzo di pentole contenti PFAS e contenitori alimentari costituiti da composti chimici usati nella produzione del teflon, materiale che riveste le pentole e che risulta essere cancerogeno.

Le sostanze perfluoroalchiliche (PFAS) sono da anni bandite perchè risultano nocive per i nostri organi e possono inoltre contaminare le acque.

Gli PFAS sono usati soprattutto nel settore alimentare per conferire ai materiali l’impermeabilità all’acqua e ai grassi.

Di questa classe di composti fa parte anche l’acido perfluoroottanoico (PFOA) che è usato come emulsionante nella produzione del teflon che poi andrà a rivestire le padelle antiaderenti.

Dove troviamo questo materiale?

Questo materiale si trova un pò ovunque: nelle schiume antincendio, nei contenitori che racchiudono i cibi, nei tessuti sintetici, nei contenitori per pizza…

Sono presenti tanti studi sul PFOA che hanno determinato, in totale sicurezza che il materiale è in piena totalità cancerogeno.

L’Agenzia per la protezione ambientale statunitense (EPA) nel 2017 ha classificato PFOA come cancerogeno confermato negli animali.

 

Già nel 2016 l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) lo aveva classificato nel gruppo 2B, cioè come “possibile cancerogeno per l’uomo”.

Danimarca: no alle pentole antiaderenti. In Italia invece sono vendute ovunque

Molti paesi europei hanno deciso di non mettere più in commercio prodotti contenenti questa sostanza che danneggerebbe la tiroide e il nostro sistema linfatico se le particelle finissero nei cibi.

E’ da luglio 2019 che l’uso degli PFAS nel settore alimentare è stato vietato, ma in Italia la situazione è ben diversa.

Danni

I danni che possono derivare dal loro utilizzo non sono da sottovalutare e sono tanto più gravi, quanto più si usa il prodotto.

Tra le patologie che si imputano agli PFAS troviamo alcuni tipi di tumori, problemi all’apparato riproduttivo e al feto e sono considerati interferenti endocrini.

È sicuramente di rilevanza un rapporto del Nordic Council in cui hanno indicato che nell’Unione Europea l’esposizione agli PFAS costa in termini di salute tra i 52 e gli 84 miliardi l’anno.

In Italia, in cui la produzione e la commercializzazione di pentole antiaderenti è ancora concessa, ci si aspetta almeno che i consumatori siano avvisati circa i danni che si possano subire nel tempo. Non ammalarsi è un diritto di ciascun ciascun cittadino.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

L’INPS concede un assegno di invalidità di 515 euro al mese per queste 3 patologie del sangue

Nessuno di noi vorrebbe ammalarsi ma, quando accade, è importante non sentirsi soli ed abbandonati. Per questo motivo il Governo offre un piccolo sostegno...

Ti trema l’occhio? Scopri i suoi significati spirituali nascosti di buoni e cattivi presagi

Mentre ci sono problemi di salute che giustificano contrazioni involontarie delle palpebre, ci sono anche spiegazioni spirituali che vengono discusse raramente, legate a questo...

Roma, paura del lockdown: nei supermercati si svuotano gli scaffali di lievito, farina e parmigiano

In questi giorni a Roma si è creata una vera e propria corsa al lievito, al sale, farina e parmigiano, a tal punto da...

Neonato dichiarato morto: sopravvive 6 ore nella cella frigorifera dell’obitorio

Neonato viene dichiarato morto ma in realtà non lo era. A poche ore di distanza dal decesso dichiarato, i medici si sono accorti che...

Muore a 13 anni in ospedale a Padova mentre gli estraggono un dente

Tragedia presso l'ospedale di Padova dove un tredicenne ha perso la vita dopo un estrazione dentaria. A riportare la notizia è il Messaggero. Scopriamo...

Se paghi col bancomat lo Stato ti rimborsa e per gli anziani, carta unica di pagamento: i dettagli

Lotta ai contanti: bonus per chi paga con carta. Agli anziani poco abituati a pagare con carte di credito e Bancomat, sarà data una...