martedì - 27 Ottobre - 2020

Bollo auto non pagato dal 2000 al 2010? Il Decreto fiscale 2019 cancella il debito

 

Novità in arrivo per quanto riguarda il bollo auto non pagato e che rientra nei debiti fino a 1000 euro. Scopriamo di cosa si tratta e cosa dice il nuovo decreto fiscale.

Sicuramente i debitori saranno lieti di sapere che, con il nuovo Decreto 2019, gli automobilisti che non hanno pagato il bollo e che hanno un debito fino a 1000 euro, derivato da mancato pagamento dal mancato pagamento della tassa automobilistica nel periodo compreso tra l’1 Gennaio 2000 e il 31 Dicembre 2010. Il “Decretone” di cui si è tanto parlato, prevede la “distruzione”delle cartelle esattoriali con conseguente sanatoria per diversi tributi, debiti, tra cui anche il bollo auto.

Tutti i debiti compresi tra il 2000 e il 2010 saranno pertanto annullati, a patto che non superirono la cifra di 1000 euro.

La Maxi sanatoria ha sancito che questi debiti, che includono anche more e interessi, dovranno essere cancellate obbligatoriamente.

Cosa deve fare pertanto il debitore?

Il debitore non dovrà fare nessuno procedimento, nè rivolgersi ad alcun avvocato o Giudice per accertarne la validità e che possa annullare il debito. Il procdimento di annullamento sarà in automatico.

 

Di certo gli enti di riscossione non sono molto attivi e concordi nell’applicazione del Decreto Pace Fiscale. Purtroppo però, il Decreto lo ha stabilito e va rispettato. Diverse sentenze sono state a favore di molti debitori che, non hanno avuto l’obbligo di pagamento dei bolli non pagati: è il caso di un uomo che, con un debito di 930 euro, del 2001, è stato dichiarato esente dal pagamento.

La pace fiscale

Ma cos’è davvero la pace fiscale? la pace fiscale non è altro che un Decreto espresso ed applicato che cancella i debiti dei debitori; la pace fiscale è applicata su qualsiasi tassa, di qualsiasi natura, che però non superi 1000 euro (compresi gli interessi).

Questo significa che, coloro che non hanno pagato il bollo nel periodo dal 2000 fino al 2010, potranno tirare un sospiro di sollievo: l’importo non verrà pagato mai più e non dovrete eseguire alcuna procedura per averne diritto. E’ problema dell’ente di riscossione, cancellare e identificare i benefattori della pace fiscale.

Il Decreto attuale ha emanato queste direttive per questo anno. In futuro non si sa se, altri emendamenti, potranno allo stesso modo favorire o no i debitori.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Coronavirus, Bassetti propone lockdown per over 65 “La chiusura totale sarebbe la fine”

Dopo la firma del Presidente Conte che ha approvato il nuovo Dpcm valido fino al 24 Novembre, la paura di non riuscire a contenere...

Ti trema l’occhio? Scopri i suoi significati spirituali nascosti di buoni e cattivi presagi

Mentre ci sono problemi di salute che giustificano contrazioni involontarie delle palpebre, ci sono anche spiegazioni spirituali che vengono discusse raramente, legate a questo...

Pensione in anticipo per le mamme che hanno iniziato a lavorare dopo il ’96. Ecco le novità

Sei una donna che ha iniziato a lavorare dopo il 1996 e sei madre? Se si, c'è una grossa novità che potrebbe interessarti. Le donne...

L’INPS concede un assegno di invalidità di 515 euro al mese per queste 3 patologie del sangue

Nessuno di noi vorrebbe ammalarsi ma, quando accade, è importante non sentirsi soli ed abbandonati. Per questo motivo il Governo offre un piccolo sostegno...

WhatsApp, come evitare la doppia spunta blu e leggere i messaggi in segreto con questa App

WhatsApp, la doppia spunta blu continua ad essere un problema per tanti utenti. Molti, infatti, vorrebbero leggere i messaggi in segreto, cioè senza che...

Decreto Rilancio: ecco l’idea per non pagare l’affitto in modo legale e senza sfratto

Pochi sanno che grazie al Decreto Cura Italia, è stato introdotto il blocco dello sfratto per gli inquilini impossibilitati a pagare l'affitto. Questo ha...