sabato - 24 Ottobre - 2020

6 medicinali che sono MOLTO dannosi per i tuoi reni e i medici li prescrivono sempre!

I farmaci indubbiamente curano molte malattie, tuttavia l’abuso di farmaci è controproducente, così come l’uso prolungato di alcuni di essi.

Per questo motivo oggi imparerai a riconoscere quali farmaci dovresti evitare di utilizzare frequentemente, poiché possono procurare gravi danni alla tua salute, soprattutto ai tuoi reni.

Sebbene la maggior parte dei farmaci venga utilizzata per curare alcuni problemi di salute, devono anche essere prescritti da un medico.

Ma ciò di cui molti non sono consapevoli è che la maggior parte di questi farmaci può danneggiare silenziosamente i reni. Questo è uno degli organi all’interno del corpo che svolge una funzione molto importante, poiché sono responsabili della rimozione delle tossine dal corpo.

Ecco l’elenco dei medicinali che danneggiano i tuoi reni

-Medicinali per articolazioni e ossa, per curare artriti

Principalmente quelli di artrite come infliximab, collochina e anche idrossiclorochina.

-Medicinali che regolano la pressione

-Analgesici e farmaci antinfiammatori non steroidei 

-Antibiotici come Ciprofloxacina, vancomicina, sulfonamidi e meticillina.

-Anticonvulsivanti

Ricorda che non dovresti mai ricorrere all’automedicazione, ma rivolgerti sempre al medico o da uno specialista. Non dimenticare di utilizzare i medicinali solo se strettamente necessario.

Abitudini che danneggiano i reni

Non sono solo i farmaci a danneggiare i reni. Elimina queste abitudini se vuoi vivere in salute:

Meglio evitare il sale: la quantità di sale quotidiana raccomandata è di 5-6 grammi. Le diete ricche di sale possono favorire l’aumento della pressione sanguigna e quindi danneggiare anche i reni. Prova immediatamente a cambiare le tue abitudini a tavola sostituendo laddove possibile il sale con spezie e aromi e riscoprirai il sapore più autentico e genuino degli alimenti.

Cerchiamo di bere a sufficienza: è importante che le persone in buona salute bevano almeno un litro e mezzo di acqua al giorno. Discorso diverso per chi ha già una malattia renale: in quel caso bisogna seguire con accuratezza le indicazioni degli specialisti relativamente alle quantità di liquidi da assumere quotidianamente.

Cerchiamo di non mangiare molta carne: un eccesso di proteine ​​animali provoca uno scompenso nell’equilibrio acido-base del sangue e può causare una condizione detta acidosi per la quale i reni non riescono più ad eliminare l’acido in modo efficace.

No all’alcool e ai cibi ricchi di zucchero

No alla sedentarietà: è ben noto ormai che una regolare e moderata attività fisica migliori pressione sanguigna e metabolismo del glucosio, entrambi fattori importanti per la salute dei reni.

Ci auguriamo che queste informazioni ti siano state utili e condividerle con i tuoi amici e familiari potrebbe essere molto utile per tutti.

Condividi se ti è piaciuto

Potrebbe anche interessarti

Bimba finisce 8 volte in ospedale ma per i dottori era sana: nessun medico si è accorto del suo tumore

“Per sette mesi mia figlia è stata senza alcun trattamento, è semplicemente orribile. Abbiamo scoperto la malattia solo perché ero consapevole che non stava...

Dormi con i capelli raccolti? Smetti di farlo, è molto pericoloso

Tutte le ragazze si preoccupano molto di come appaiono i loro capelli e questo si basa fondamentalmente sul fatto che è una parte molto...

Nonna Pierina compie 107 anni e festeggia con l’amica del cuore di 105

In questo periodo di grande incertezza a causa del virus, è bello leggere notizie di questo genere che ti fanno ancora credere nel valore...

Se possiedi questa banconota da 50 euro, sei ricco!

Prima cosa: prendi le tue banconote da 50 euro e controllale attentamente perchè potrebbero valere una vera fortuna. Ci sono banconote infatti, che hanno un...

Apomorfina: un nuovo farmaco che darebbe la possibilità di svegliarsi dal coma

Si stima che il 40% delle persone in stato vegetativo possa, in effetti, reagire a nuovi trattamenti farmacologici, tra cui all’apomorfina e riacquistare capacità...

Disponibile in Italia la prima “TAC turbo”, che dura meno di un battito di ciglia, ma pochi lo sanno

Effettuare la tac, adesso, è diventato sempre più semplice e veloce, basti pensare che dura quanto un battito di ciglia. La novità arriva da...